F.A.Q.

Rispondiamo alle domande che ci pongono sempre più frequentemente le persone che ci contattano.

Domande Frequenti

Cerchiamo di rispondere alle domande che giornalmente ci vengono poste in merito ad un gas dalle proprietà eccezzionali ma purtroppo ancora poco conosciuto dalla massa.

Che cos'è l'ozono?

L’ozono è una molecola formata da tre atomi di ossigeno (O3), dotata di una carica elettrica negativa. La molecola dell’ozono è molto instabile ed ha un tempo di dimezzamento breve. Di conseguenza, decadrà dopo un certo tempo nella sua forma originaria: ossigeno (O2, secondo la reazione sotto riportata)

2O3 ⇋ 3O2

Essenzialmente l’ozono è nient’altro che ossigeno (O2), con un atomo di ossigeno supplementare, dotato di un’alta carica elettrica. In natura l’ozono è prodotto da alcune reazioni chimiche. L’esempio più familiare è naturalmente lo strato di ozono, in cui l’ozono è prodotto dai raggi (UV) ultravioletti del sole. Ma l’ozono è prodotto anche dai temporali e dalle cascate. Le tensioni estremamente elevate che si raggiungono durante i temporali producono ozono da ossigeno. Lo speciale profumo “fresco, pulito, l’odore della pioggia primaverile” è un risultato dell’ozono prodotto dalla natura. L’ozono deriva dalla parola greca ozein, che significa ‘sentire l’odore di’.

L’ozono viene prodotto soltanto in circostanze estreme ma può anche essere prodotto dai generatori dell’ozono. Essi sfruttano tensioni estremamente alte o luce UV.

Come funziona l'ozono?

L’ozono funziona secondo il principio di ossidazione. Quando la molecola caricata statica dell’ozono (O3) entra in contatto con con qualcosa “in grado di ossidare”, la carica della molecola dell’ozono vi fluisce direttamente sopra. Ciò avviene perché l’ozono è molto instabile e tende a ritrasformarsi nella propria forma originaria (O2). L’ozono può ossidarsi con tutti i generi di materiali, ma anche con odori e microrganismi come i virus, le muffe ed i batteri. L’atomo di ossigeno supplementare e’ rilasciato dalla molecola dell’ozono e si lega all’altro materiale. Alla fine rimane soltanto la molecola pura e stabile di ossigeno.

L’ozono è una delle tecniche di ossidazione più forte disponibili per ossidare i soluti. L’atomo di ossigeno supplementare-aggiunto si legherà (= ossidazione) in un secondo ad ogni componente che entra in contatto con l’ozono.

L’ozono può essere usato per un vasta gamma di processi di purificazione. Per la maggior parte è applicato nell’acqua di scarico comunale e negli impianti di per il trattamento dell’acqua potabile (per la disinfezione). Tuttavia l’ozono si sta facendo notare nell’ambito della sanificazione, tanto casalinga quanto industriale. Nell’industria alimentare, per esempio, è usato per la disinfezione delle coltivazioni, in ambito medico può essere applicato per disinfettare gli ambienti di lavoro.

Il beneficio principale di ozono è il suo carattere “pulito”, perché ossida soltanto i materiali, quasi non formando sottoprodotti. Poiché l’ozono ha un odore distintivo forte, anche concentrazioni molto basse sono velocemente percepite. Ciò rende generalmente sicuro lavorare con esso.

Come si produce l'ozono?

L’ozono può essere prodotto artificialmente seguendo lo stesso fenomeno che accade in natura, che significa da luce UV (strato di ozono) o via effetto-corona (alte tensioni, fulmini). In entrambi i metodi si spezza il collegamento fra le molecole di ossigeno. Di conseguenza vengono prodotti i radicali dell’ossigeno, che si collegano con una molecola dell’ossigeno in O3 (ozono). Per la produzione di ozono, l’effetto corona è maggiormente usato a causa dei suoi più ampi vantaggi. I vantaggi sono i bassi costi di produzione dell’ozono (maggiore economicità) e maggiore durevolezza del sistema. Per l’alimentazione si può usare aria ambiente così come ossigeno puro. Per quest’ultimo, i generatori di ossigeno possono essere utilizzati per concentrare l’ossigeno dall’aria. Quando si usa ossigeno puro si può produrre una più alta concentrazione di ozono.

Cos'è il tempo di dimezzamento dell'ozono?

Per la depurazione di acqua e di aria è necessario produrre l’ozono sul posto. A causa del suo breve tempo di dimezzamento, l’ozono decade presto una volta prodotto. Il tempo di dimezzamento dell’ozono in acqua è circa 30 minuti, il che significa che ogni mezz’ora la sua concentrazione si riduce di metà rispetto alla concentrazione iniziale. Per esempio, quando si hanno 8 g/l, la concentrazione si riduce ogni 30 minuti come segue: 8; 4; 2; 1; ecc. In pratica il tempo di dimezzamento è più breve perché molti fattori possono influenzarlo. Tali fattori sono temperatura, pH, concentrazione e concentrazione e tipo di soluti. Poiché l’ozono reagisce con tutti i tipi di componenti, la concentrazione di ozono si ridurrà rapidamente. Quando la maggior parte dei componenti sono ossidati, l’ozono residuo rimane e la concentrazione di ozono si riduce meno velocemente.

L'ozono è nocivo? E quali sono i suoi effetti?

Alle concentrazioni piu’ elevate l’ozono è dannoso per salute umana se inalato. Parecchie agenzie, quale l’agenzia professionale di sicurezza e salubrità (OSHA) hanno proposto i valori MAC per ozono. Un valore MAC è la concentrazione accettabile massima alla quale un essere umano può essere esposto per un certo tempo ad un certo agente. Per l’ozono il valore MAC è di 0,06 ppm per 8 ore al giorno, 5 giorni la settimana (ppm = parti per milione). Per un massimo di 15 minuti si applica un valore MAC di 0,3 PPM. Le concentrazioni precedentemente citate sono molto superiori alla soglia di odore a cui l’ozono può essere percepito, quindi le concentrazioni critiche vengono notate rapidamente. Quando le persone sono esposte ad alte concentrazioni di ozono i sintomi possono variare da asciugamento di bocca e gola, tosse, emicrania e restrizione toracica. Concentrazioni più alte (> 50 ppm) ed esposizione a lunga durata (> 30 minuti) possono essere letali. In prossimità dei limiti mortali, seguono problemi più acuti. Tuttavia, trovarsi in una stanza con questo tipo di concentrazioni è quasi impossibile.
Quando i generatori di ozono più grandi sono applicati, distruttori dell’ozono possono essere usati per la distruzione dell’ozono residuo.

Si può rilevare il livello di ozono?

Esistono numerosi strumenti di misura disponibili per misurare l’ozono presente in acqua ed aria. Questi strumenti di misura si basano su principi differenti e possono misurare concentrazioni da ppm (ppm = parti per milione) a ppb (= parti per miliardo). Tali strumenti possono essere utilizzati per controllare e comandare il generatore di ozono.